Asparagus acutifolius
Asparago selvatico
Asparagaceae

L'asparago selvatico (Asparagus acutifolius) è una pianta della famiglia delle Liliaceae reperibile in tutto il bacino del Mediterraneo. I nomi comuni "asparago spinoso" e "asparago pungente" derivano dalle caratteristiche spine poste alla base dell'apparato foliare, caratteristica comune nelle piante della macchia mediterranea.
Da non confondersi con il luppolo selvatico o con i germogli di pungitopo (entrambi chiamati anche "asparagi selvatici"), i cui germogli vengono ancora oggi raccolti a primavera nelle campagne e nei luoghi incolti per farne ottimi risotti, frittate e minestre.
220px-Asparagoselvatico.JPGexternal image post-4-1207606683.jpg

Germogli di asparago selvatico, spesso usati in cucina.
Descrizione
In primavera genera dei piccoli fiori bianchi profumatissimi a grappoli da cui si generano bacche rosse di piccole dimensioni. In alcune regioni mediterranee la fioritura avviene in tarda estate, spesso dopo abbondanti temporali, in questo caso le bacche raggiungono la piena maturazione nel corso dell'inverno.
I rami: sono di colore verde -grigiastro oppure bianchi. Su ogni ramo vi sono numerosi rametti molto corti, pungenti normalmente ritenuti delle spine o confusi con le foglie.
Foglie: sono piccole squame poco visibili.
Fiori: i fiori sono poco appariscenti dato il colore giallo -verde e le piccolissime dimensioni.
Frutti:i frutti sono bacche verdi che a maturazione diventano prima rosse e poi nere.
Distribuzione e habitat
Da 0 a 1300 metri, comune in prossimità dei boschi e in luoghi incolti.

Caratteristiche: L'asparago selvatico, della famiglia delle Liliacee è un arbusto perenne, legnoso,rampicante, ramificato in modo disordinato. Cresce nei pascoli incolti, lungo i muretti a secco, nei boschi di quercia.

Asparago selvatico (Asparagus acutifolius)
external image frutti-bacche-Asparagus-acutifolius55.jpgexternal image frutti-bacche-Asparagus-tenuifolius57.jpg

external image 129Asparagus%20acutifolius%20L..jpgexternal image file.php?id=28038external image TS112787.jpg


In cucina: Dagli asparagi si raccolgono i giovani germogli (turioni) che spuntano in primavera e sono commestibili. Si usano germogli giovani lessati e conditi con olio e limone, per fare frittate, risotti, sformati, zuppe.
Curiosità: le persone che hanno qualche difficoltà a prendere sonno dovrebbero evitare di mangiare asparagi di sera.
Uso officinale:le proprietà dell'asparago sono prevalentemente diuretiche, depurative, dimagranti. Può essere anche usato per combattere l'eccesso di sudore. Le preparazioni a base di asparago sono consigliate a chi soffre di infiammazioni renali.
Uso interno
Le radici
(come diuretico)
DECOTTO : 4 g in 100 ml di acqua. Bere 2\3 tazze al giorno lontano dai pasti. (non aggiungere zucchero).
Le radici
(come antisudorifero)
INFUSO : 5 g ogni 100 di acqua Bere 2\3 tazzine al giorno. L'infuso va consumato tiepido.
Uso cosmetico In cosmesi si utilizza la parte tenera del germoglio per preparare maschere che tonificano la pelle.