Chenopodium album
Farinello comune
Amaranthaceae
DESCRIZIONE DEL PORTAMENTO GENERALE
La famiglia delle Amaranthaceae è abbastanza numerosa, con 170 generi e circa 2400 specie.
La classificazione tassonomica di Chenopodium album è in via di definizione in quanto fino a tempo fa apparteneva alla famiglia delle Chenopodiaceae, mentre ora con i nuovi sistemi di classificazione filogenetica tutte le specie delle Chenopodiaceae, sono state incluse nella famiglia delle Amaranthaceae.
Il Chenopodium album è una specie molto polimorfa.Essendo anche una specie antropica e infestante, notevole è l' influenza data dalla pressione umana delle piante.
La variabilità maggiore si riscontra nella forma delle foglie: più stretta,più larga, con i denti che iniziano nella metà superiore della mlamina o fin dall' attaccatura del picciolo,oppure il primo dente simile agli altri o molto più pronunciato.
MORFOLOGIA
Sono piante annuali di tipo erbaceo ma a volte quasi arbustivo ( alla base possono essere lignificate) con portamento eretto-ascendente a forma vagamente piramidale. Queste piante vengono classificate tra le "apetale" in quanto prive di corolla. Si distinguono inoltre in quanto le foglie sono prive di ocrea e la pianta in generale non ha lattice e neppure peli urticanti ed è prevalentemente glabra.Possiedono un odore erbaceo sgradevole e un carattreristico indumento "farinoso" sui fusti e sulle foglie. L'altezza di queste piante può oscillare da 30 a 150 cm ma spesso dopo la fruttificazione si adagiano a causa del peso aggiunto. La forma biologica della specie è "terofita scapose"; ossia piante erbacee che differiscono dalle altre forme biologiche, poichè, essendo annuali, superano la stagione avversa sottoforma di seme.Sono inoltre munite di asse fiorale eretto e con poche foglie di eretto.
FUSTO
Parte ipogea: assente
Parte epigea: la parte aerea del fusto è eretta, generalmente ramificata,striata e glabra.In certe varietà il fusto può essere glauco e farinoso (sopratutto nell' infiorescenza).


external image 220px-Chenopodium_album01.jpg
LE FOGLIE
Le foglie sono intere, picciolate e hanno una forma spatolato-lanceolata, quasi romboidale e ricorda vagamente l' impronta del piede d' oca; sono communque più lunghe che larghe e l' apice è acuminato. In genere il colore delle foglie di sopra è verde sbiadito (glauco), quasi opaco e di sotto sono verde-farinose. Le foglie inferiori sono dentate (denti molto grossolani dalla metà in poi della lamina). Quelle superiori sono più lanceolate con più dentature ridotte al minimo. Lunghezza del picciolo:2-4 cm. Dimensioni medie delle foglie: larghezza 2,5-5 cm; lunghezza 5-9 cm. Quelle minori non sono più lunghe di 3-4 cm. Numero dei denti per lato 3-6.

external image 279px-Chenopodium_album_ENBLA02.jpg







INFIORESCENZA
L' infiorescenza è priva di bratee ma è fogliosa nella parte basale, la forma è quella di una spiga discontinua di glomeruoli globosi. Ogni glomerulo contiene diversi fiori (da 5 a 10 o più) globosi e verdastri. L' infiorescenza principale è terminale ma sono presenti anche infiorescenzi laterali ( all' ascella delle foglie) sempre a disposizione alterna.Diametro dei glomeruli: 3-5 mm. Diametro dei singoli fiori:1,5 mm. Lunghezza delle infiorescenze: 2-20 cm.
external image 518px-Chenopodium_album_ENBLA03.jpg
FIORE
I fiori sono ermafroditi, pentameri ( i vari verticilli-calice e stami sono formati da 5 parti) e attinomorfi.
- CALICE: il calice (dialisepalo) è formato da 5 parti libere ( tepali o sepaloidi) a consistenza erbacea e forma ottusa arrontondata alla base; il doeso è carenato.
- COROLLA: la corolla è assente.
- ANDROCEO: gli stami sono 5 e liberi; la posizione degli stami è opposta ai tepali.
- FIORITURA: da giugno a settembre.
- IMPOLINAZIONE: tramite insetti
external image 293px-Chenopodium_album_ENBLA05.jpg
FRUTTI
IL frutto è una capsula che alla maturità diventa carnosa e succosa.Ogni frutto contiene un solo seme nerastro e lucido a forma lenticolare.Il pericarpo non è aderente.
external image Melganzevoet_vruchten_Chenopodium_album.jpg