Il Caglio bianco (nome scientifico Galium album Miller, 1768) è una pianta erbacea, perenne, dai piccoli fiori bianchi, appartenente alla famiglia delle Rubiaceae.
external image 290px-Galium_mollugo0.jpg

Morfologia

Il portamento
Località: Villa Prima, Limana (BL), 350 m s.l.m. - 4/10/2008
Si tratta di una pianta erbacea la cui altezza può variare da 30 a 150 cm. La forma biologica della specie è emicriptofita scaposa (H scap); ossia è una pianta perennante con gemme poste al livello del suolo con fusto allungato e mediamente foglioso.

Radici

Le radici sono secondarie da rizoma.

Fusto

external image 120px-Wiesenlabkrautstengel.jpg


  • Parte ipogea: la parte ipogea consiste in un rizoma con stoloni sotterranei allungati.
  • Parte epigea: il fusto è eretto (ma può essere anche scadente oppure quasi prostrato) e ramoso. La superficie è ispida con peli rivolti verso l'alto. Può presentare una certa lignificazione nella parte basale. La sua sezione è tetragona e all'interno è caratterizzato dall'avere fasci conduttori collaterali. Dimensione dei peli 0,5 – 1,5 mm.

Foglie

external image 220px-Galium_album_ENBLA04.jpegexternal image 120px-Wiesenlabkrautblatt_oben.jpgexternal image 110px-Wiesenlabkrautblatt_unten.jpg
Le foglie
Località: Villa Prima, Limana (BL), 350 m s.l.m. - 4/10/2008
Le foglie sono verticillate, composte da 6 – 10 lamine lanceolate o lanceolate-lineari. Ogni foglia ha una sola stretta nervatura centrale con superficie più o meno piana e progressivamente ristretta in punta. Sulla pagina superiore sono verdi scure e lucide. La consistenza delle foglie è lievemente coriacea.

In realtà queste foglie sono delle stipole con lamina uguale a delle normali foglie (le foglie vere sono soltanto quelle relative alle due ascelle fogliari che si diramano in posizioni opposte). In effetti tutte le piante del genere Galium sono caratterizzate dall'avere stipole “inter-picciolari”.

La lunghezza delle foglie medie è minore del rispettivo internodio. Dimensione delle foglie: larghezza 1,5 – 5 mm; lunghezza 10 – 30 mm.

Infiorescenza

external image 220px-Galium_album1.jpgexternal image 108px-Wiesenlabkrautbl%C3%BCten.jpg
L'infiorescenza
L'infiorescenza è racemosa a forma ovoidale allungata. Il peduncolo dell'infiorescenza è mediamente lungo, mentre i pedicelli (il sostegno del singolo fiore dell'infiorescenza) è molto breve: risulta più piccolo del fiore stesso (< di 3 mm). I rami dell'infiorescenza sono eretti anche dopo la fioritura.

Fiore

external image 220px-Galium_album_ENBLA03.jpegexternal image 120px-Labkrautbl%C3%BCte.jpg
Il fiore
Località: Villa Prima, Limana (BL), 350 m s.l.m. - 4/10/2008
I fiori sono ermafroditi, attinomorfi, tetraciclici (formati cioè da 4 verticilli: calice – corolla – androceo – gineceo), tetrameri (calice e corolla formati da 4 elementi) e epigini. Sono inoltre piccoli e molto uguali tra di loro, pedicellati ma senza bratteole. Sono proterandri (gli organi maschili maturano prima di quelli femminile per evitare una eccessiva autoimpollinazione).

Frutti

external image 120px-Labkrautfrucht.jpg
Il frutto che si origina dall'ovario è unico, secco e appena peloso (oppure liscio); è indeiscente ed è formato da due lobi, ognuno contenente un seme (frutto di tipo bi-mericarpico). Il frutto è visibile dall'esterno (e non avvolto come in altri generi della stessa famiglia).