TIPI DI FRUTTO

Il frutto deriva dalla trasformazione dell'ovario (ingrossamento, indurimento) o di parte di esso. Se altre parti del fiore contribuiscono alla formazione del frutto (ricettacolo, calice, corolla, ...) si parla di falso frutto.

frutti.png

I veri frutti si sviluppano dall'ovario, la cui parete si può suddividere in tre parti:
  1. l'esocarpo (verde chiaro) che deriva dall'epidermide superiore;
  2. il mesocarpo che deriva dal parenchima o mesofillo;
  3. l'endocarpo (verde scuro) che deriva dall'epidermide inferiore;

I falsi frutti si formano ad esempio quando l'ovario è infero o semiinfero e quindi anche il calice può contribuire alla formazione del frutto.

I veri frutti possono essere secchi o carnosi.




















VERI FRUTTI SECCHI
  • follicolo: deriva da un ovario monocarpellare, plurispermio, si apre lungo la linea di del carpello (es: elleboro, Aquilegia).
Helleborus-niger.jpg
  • legume o baccello: deriva da ovario monocarpellare plurispermio, deisce in 2 valve su 2 linee opposte (sutura e dorso) È tipico della famiglia delle Leguminose.
Vicia_pannonica.jpg
  • lomento: deriva da ovario monocarpellare plurispermio, è suddiviso in una serie di logge monosperme chiuse che possono essere anche piene di polpa a circondare il seme, si apre trasversalmente. Da alcuni viene considerato una modificazione del legume.
external image mimosa_fru.jpg

  • siliqua e siliquetta: derivano da un ovario bicarpellare sincarpico con numero variabile di semi. Si apre in 2 valve lungo la linea di sutura delle foglie carpellari, a maturità si fendono ma non si separano completamente. Le due valve sono separate da setto persistente membranoso detto replo su cui sono inseriti i semi. Il frutto si chiama siliquetta quando è isodiametrica, siliqua quando il diametro longitudinale supera quello trasversale. Caratterizzano le Crucifere;
external image Lunaria_annua0.jpg - external image 320px-Capsella_bursa-pastoris_ENBLA06.jpg -

  • capsula: deriva da un ovario pluricarpellare sincarpico polispermo; presenta vari tipi di deiscenza:
    • capsula setticida o settifraga (Digitalis, tabacco, china, colchico) si apre lungo la linea di sutura dei carpelli;
    • capsula loculicida (Lilium, tulipano, castagno d'india) si apre lungo la nervatura dorsale dei carpelli;
    • pisside (es. Anagallis arvensis, Hyoscyamus niger) si apre per mezzo del distacco di un numero di denti più o meno elevato su un opercolo circolare;
    • capsula poricida (es. Papaver) si apre mediante una serie di pori apicali.
external image 320px-Opium_poppy_mohnkapsel.jpg- external image 320px-Nerium-oleander-semillas.jpg-

DA COMPLETARE